Cristina Dei: acqua per la vita

cristinaMolti sostengono che l’acqua sia il petrolio del futuro.. E questo è verissimo: malgrado la nostra dipendenza cronica dal petrolio e dal carbone l’uomo sarà costretto a rivolgersi sempre più a fonti energetiche alternative e le nostre abitudini cambieranno radicalmente. Tutto passerà su questa Terra, ma non l’Acqua. L’acqua costituisce gran parte del nostro corpo e dell’ambiente intorno a noi – l’acqua è semplicemente Vita. Nei paesi sviluppati la diamo quotidianamente per scontata e a volte la malediciamo quando provoca frane e inondazioni. Eppure è vitale (aggettivo non scelto a caso) che ricominciamo a percepirne il valore e a conservarla, proteggerla e difenderla, da quel gioiello inestimabile che è. Pensiamo ad una giornata senza acqua.. per noi sarebbe inimmaginabile: eppure c’è chi in Africa ogni giorno fa dei chilometri solo per prenderne un secchio. Non dobbiamo illuderci che quelle siano realtà che non ci toccano: l’aumento della popolazione mondiale e i problemi climatici ci potrebbero a breve porre di fronte a gravi difficoltà e a difficili scelte.

fioreAllora iniziamo già da ora a prenderci cura dell’acqua, bene comune e imprescindibile.
Anche noi nel nostro piccolo possiamo dare il nostro contributo: intanto, anche l’acqua può essere a km (quasi) zero. L’installazione di fontanelli a Colle e in molte altre città ha portato, infatti, una vera rivoluzione e i benefici sono numerosissimi:
1) l’acqua viene da sorgenti relativamente vicine, non viene dalle Alpi o da altre regioni italiane lontane. Questo comporta un notevole risparmio del traffico su gomma e di emissioni di CO2. Un po’ polemicamente, vorremmo aggiungere che varie volte vediamo pancali di bottiglie d’acqua ‘abbandonati’ fuori sotto il sole in prossimità dei supermercati – può fare bene questo all’acqua? Chi ci garantisce come è stato ‘il viaggio’ di una bottiglia di plastica?
2) l’acqua è controllata ed è quindi sicura come quella imbottigliata, col vantaggio che è più ‘locale’.
3) si risparmiano quantità enormi di bottiglie di plastica, con il conseguente risparmio di energia, manodopera, trasporto e materiali che molto spesso non vengono neanche correttamente differenziati dopo l’uso.
4) il risparmio economico tangibile, visto che l’acqua è un bene di enorme consumo.
5) il fontanello diventa un piccolo momento di aggregazione sociale di quartiere: si rimane in fila ad aspettare e si fanno due chiacchiere, si conoscono persone con cui altrimenti non avremmo, forse, avuto occasione di interfacciarci, tra tutte gli anziani (grande risorsa di esperienze e conoscenze, che non esitano mai a raccontare aneddoti mentre riempono le loro bottiglie!).
I due fontanelli colligiani, quello delle Grazie e quello di Campolungo, hanno riscosso un grandissimo successo, permettendo il risparmio di oltre 2.500.000 bottiglie di plastica da 1,5 litri – tonnellate di plastica non prodotta, meno emissioni e risparmi assicurati! Riteniamo che questa sia la strada da perseguire, ed è per questo che sosteniamo con forza questo aspetto del programma di Miriana Bucalossi “Uso dell’acqua pubblica attraverso l’installazione di fontanelle e appositi distributori di acqua alla spina, permettendo anche una riduzione di rifiuti partendo dalle scuole e dagli edifici pubblici del nostro territorio”. Alla salute!

Cristina Dei, Riccardo Marchini (candidati al Consiglio Comunale di Colle di Val d’Elsa – 2014)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...