Riccardo Marchini: Il turismo del futuro

marchiniNon è possibile restare indifferenti davanti alla grande importanza che il programma di Miriana Bucalossi riserva allo sviluppo del settore turistico. Il turismo può e dovrà divenire la principale delle imprese italiane. In un assetto economico globale in cui siamo costretti a chiederci da dove abbia senso ripartire e su cosa puntare per crescere sia sul piano economico che su quello della qualità della vita, risaltano quelle che sono le principali risorse della nostra terra da sempre: la bellezza del paesaggio, la ricchezza artistica, l’enogastronomia ed i grandi ingegni che oggi si traducono in una piccola e media industria di eccellenza. Questa riflessione valida per tutta la nazione è ancor più vera per la Toscana, culla della cultura europea, antico crocevia di imprese commerciali, artigiane e patria dei primi importanti banchieri, terra dalle forme dolci impresse nell’immaginario di viaggiatori di tutto il mondo, luogo di produzione di molti tra i vini più pregiati d’Italia. Quasi al centro di questa isola verde si distende Colle di Val d’Elsa, splendido borgo medioevale, sospesa tra il medioevo senese ed il rinascimento fiorentino, in una valle al confine del Chianti (altro mito globale intramontabile) e non lontano dalla Val d’Orcia, nonché sede di produzione artistica di cristallo di grande rilevanza internazionale per qualità e quantità.
Colle può aspettarsi dal futuro, soprattutto se verrà intrapresa una politica nazionale seria di sviluppo dell’industria turistica, un posto di primo piano sia per le bellezze intrinseche che per la strategicità della sua posizione geografica che già nei secoli passati si è resa evidente dall’attraversamento della via Francigena ed ancor prima dall’immediata prossimità con la via Cassia. E’ evidente l’impegno necessario al passaggio da una vocazione artigianale ed industriale che nasce storicamente per la presenza dei corsi d’acqua (ed annessi mulini, le centrali energetiche dell’epoca pre-industriale) ad una turistica che si affianca, senza sostituirla del tutto, alla precedente. Ma è altrettanto evidente la grande opportunità economica di due settori complementari di cui il turistico trae valore dall’industriale, tanto da poter far vanto della denominazione “città del cristallo” e gli restituisce a sua volta opportunità di ampliamento del giro d’affari attraendo clienti ed investitori.
Riccardo Marchini , Cristina Dei (candidati al Consiglio Comunale di Colle di Val d’Elsa – 2014)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...