PEDAGGIO: ‘IL TAR DICE NO’

BURRESI: ‘BENE TAR LAZIO. ORA TOGLIERE SUBITO LA TASSA DA BETTOLLE E CERTOSA’

Il Tar del Lazio ha sospeso il decreto che ha disposto l’aumento dei pedaggi autostradali previsti nella manovra del governo. La prima sezione del tribunale amministrativo, presieduta da Linda Sandulli, ha così accolto le richieste della provincia di Roma.
‘Il pronunciamento del Tar del Lazio contro il pedaggio imposto sui caselli autostradali di Roma rappresenta un elemento di soddisfazione. Ora mi aspetto che vengano definitivamente ed immediatamente eliminati i balzelli imposti a Bettolle-Valdichiana e Firenze-Certosa’.
E’ quanto dichiara il presidente del Consiglio provinciale di Siena , Riccardo Burresi , commentando la decisione del Tar del Lazio a seguito del ricorso presentato dalla provincia di Roma.
‘I giudici hanno confermato l’illegittimità di una tassa che prescinde dal dare alcun servizio – spiega Burresi– poiché viene imposta a tutti coloro che transitano nei caselli in questione indipendentemente dall’utilizzo o meno dei raccordi Anas’.
‘Ora auspico – aggiunge Burresi – che i cittadini di tutte le altre province colpite, compresa la nostra, vengano liberati nelle prossime ore da questa tassa iniqua’.

Il Tar del Lazio ha sospeso il decreto che ha disposto l’aumento dei pedaggi autostradali previsti nella manovra del governo. La prima sezione del tribunale amministrativo, presieduta da Linda Sandulli, ha così accolto le richieste della provincia di Roma.
‘Il pronunciamento del Tar del Lazio contro il pedaggio imposto sui caselli autostradali di Roma rappresenta un elemento di soddisfazione. Ora mi aspetto che vengano definitivamente ed immediatamente eliminati i balzelli imposti a Bettolle-Valdichiana e Firenze-Certosa’.
E’ quanto dichiara il presidente del Consiglio provinciale di Siena , Riccardo Burresi , commentando la decisione del Tar del Lazio a seguito del ricorso presentato dalla provincia di Roma.
‘I giudici hanno confermato l’illegittimità di una tassa che prescinde dal dare alcun servizio – spiega Burresi– poiché viene imposta a tutti coloro che transitano nei caselli in questione indipendentemente dall’utilizzo o meno dei raccordi Anas’.
‘Ora auspico – aggiunge Burresi – che i cittadini di tutte le altre province colpite, compresa la nostra, vengano liberati nelle prossime ore da questa tassa iniqua’.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...