Pd, Grillo tesserato da un circolo irpino. I vertici del partito: “Iscrizione senza valore”

AVELLINO – Beppe Grillo è il tesserato numero 40 del circolo del Pd “Martin Luther King” di Paternopoli, in provincia di Avellino. L’iscrizione è stato autorizzato dal segretario locale, Andrea Forgione, che ha voluto così lanciare “una forte provocazione” alla dirigenza nazionale del partito: “Il caso Grillo costituisce un precedente molto grave – afferma Forgione – Chi ha infatti la legittimazione a decidere chi tesserare e chi no? Beppe Grillo non è iscritto a nessun altro partito e ha una fedina penale pulita, quindi perché negargli la tessera? Non vogliamo che il Partito democratico si trasformi in un partito burocratico. Se ci chiamiamo Partito democratico dobbiamo tenere porte e finestre aperte, altrimenti potevamo continuare a chiamarci Ds, Margherita, o Pci, o Pcus”. Ma i vertici del Pd la pensano in modo diverso: affermano che l’iscrizione a Paternopoli non ha alcun valore e confermano la posizione assunta nei giorni scorsi, in base alla quale il comico-blogger non può essere tesserato.

Dal canto suo Grillo, torna alla carica e insiste nella corsa per presentare la candidatura a segretario dei democratici. “Sono contento. Ma io deve prendere 2.000 firme entro due giorni e non so se ce la faremo”. “Però andrò al congresso a parlare – aggiunge il comico – Vuol dire che io sono tesserato e che andrò al loro congresso a parlare. Adesso bisogna vedere se lo statuto prevede che un tesserato parli al congresso. Se non ci sarà un’altra commissione di garanzia dove l’articolo 4 del paragrafo 9 dirà che io non posso parlare. Allora vedremo. Comunque andrò al congresso.
Questo è sicuro”.

Il no del partito viene confermato a stretto giro di posta. “L’accettazione da parte di qualunque
coordinatore di circolo della richiesta di iscrizione di Grillo è da considerarsi un’iniziativa estemporanea palesemente contraria allo Statuto – afferma in una nota Gero Grassi, viceresponsabile nazionale Organizzazione – La Commissione nazionale di garanzia ha escluso all’unanimità di poter accogliere la richiesta di iscrizione al Partito democratico da parte di Beppe Grillo per aver promosso e sostenuto liste apertamente ostili al nostro partito. In ogni caso, ricordiamo che lo Statuto prevede che l’iscrizione avvenga nel proprio comune di residenza”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Tino Iannuzzi, segretario regionale della Campania: “L’iscrizione di Beppe Grillo è da considerarsi priva di ogni valore”. E dopo aver ricordato le motivazioni della Commissione di garanzia, conclude: “La sua iscrizione è del tutto incompatibile con l’adesione al Partito democratico. Sappiamo che le regole possono a volte apparire fredde, ma a Grillo ricordiamo che rappresentano, in democrazia, una garanzia per tutti”.

www.repubblica.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...