Bersani: «Voglio un partito che funzioni, come l’Avis o una bocciofila»

ROMA – «Io non voglio il Pci, ma un’associazione che funzioni. Voglio fare l’Avis, o una bocciofila in cui ci sono delle regole, non è che puoi fare come vuoi». Pierluigi Bersani, durante la video-intervista web su Excite.it con il blogger Diego Bianchi (Zoro), spiega la sua idea di partito. «Se stai in una associazione – afferma il candidato alla segreteria del Partito democratico – devi anche accettare alcune auto-limitazioni, serve un minimo di disciplina e meccanismi che garantiscano la partecipazione anche al di fuori di te. Finora noi ce ne siamo dimenticati».

NO AL PARTITO LIQUIDO – Bersani non accetta che questa concezione sia bollata come «vecchia, io sono per le primarie, per un partito moderno, ma non posso accettare che la nostra politica sia affidata ad una galassia che non ha una incisività reale». «Non è che perché si temono i signori delle tessere, non si debba fare più il tesseramento. Se la parola ‘tessera’ diventa impronunciabile, ma che razza di partito è?». Per Pierluigi Bersani servono le tessere, basta con l’idea di «partito liquido, che poi ci facciamo una bella bevuta e arrivederci e grazie…». Certo, ammette amaramente, non sarà un tesseramento con «numeri da signori delle tessere, saranno invece i numeri di chi non ha creduto al fatto che un partito per stare in piedi ha bisogno di organizzazione e di radicamento sul territorio».

IDEE – E la sfida con Franceschini e Marino per la segreteria? «Spero di vincere – afferma Bersani – perché penso di avere in testa qualcosa che può essere utile, non mi sono mai mosso per esigenze mie, penso che questa sia un’occasione per darci una linea che si capisce, perciò conto di vincere, lavoro per vincere».

METALLICA – Diego Bianchi lo incalza sulla «colonna sonora» della sua sfida: «Nun me dì Vasco, che nun se ne può più. Sembra che conosci solo quello. Alla presentazione della mozione avete messo Steve Wonder. L’hai scelta tu?». «Ma a me piace tutto il rock – risponde Bersani – i Led Zeppelin, ad esempio, è il ritorno alle origini, ma è il meglio». Allora hanno ragione quelli che dicono che sei un nostalgico… commenta Zoro. Qualcosa di più recente? «Ma ascolto anche i Metallica». Il blogger esulta: «Bersani ascolta i Metallica! Ci vuole un’agenzia: Bersani ascolta i Metallica».

www.repubblica.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...