Così muore la giustizia

“Così muore la giustizia”. Questo è stata l’ultima critica dell’Associazione Nazionale dei magistrati rivolta al disegno di legge sulle intercettazioni che, dopo il voto definitivo alla Camera, diventa legge. Un’iniziativa affrettata e immotivata, per risolvere le paure personali di Berlusconi, di fatto elimina uno tra gli strumenti principali per la lotta alla criminalità. Con l’approvazione della legge le intercettazioni potranno essere chieste solo in caso di “evidenti indizi di colpevolezza”, non potranno superare il limite dei 60 giorni e non potranno essere pubblicate fino alla conclusione delle indagini preliminari. Sarà previsto il carcere dai 6 mesi a un anno per i giornalisti e il “via la toga” per il magistrato che rilascerà pubblicamente dichiarazioni sui procedimenti. Infine, accanto alle intercettazioni telefoniche e ambientali, il nuovo provvedimento metterà al bando anche l’utilizzo di videocamere. Il Governo, per voce del ministro Alfano, ha difeso il “suo” progetto perché garantirebbe l’incolumità di molte persone che, estranee alle indagini, potrebbero essere coinvolte in un caso giudiziario per “colpa” della pubblicazione delle intercettazioni. In realtà è un affermazione sbagliata sia nel merito, sia nei fatti concreti. Anche se venisse considerato valido lo spirito con cui si bloccano le intercettazioni – la salvaguardia di innocenti -, la legge si spinge ben oltre superando quei limiti di ragionevolezza. Infatti le intercettazioni sarebbero fermate dal momento del reato fino al processo: praticamente per un anno almeno. È perplesso anche Gaetano Pecorella, ex legale di Berlusconi e presidente della Commissione giustizia dal 2001 al 2006. In un intervista rilasciata al quotidiano La Stampa ha dichiarato: “volendo rispondere con una battuta si potrebbe dire che è difficile ammazzare un uomo morto”. “La misura è colma” si legge nella lettera-appello presentata dal Pd insieme a Idv e Udc al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. “Le forze dell’opposizione si interrogano con fortissima preoccupazione sulla compatibilità di questo continuo ricorso alla fiducia con i principi costituzionali”.

Lanfranco Tenaglia, responsabile Giustizia del Pd, chede al “ministro Maroni di non fare il gioco delle tre carte. Hanno equiparato le video riprese alle intercettazioni, quindi per usarle servono gli stessi presupposti per usare le intercettazioni. Lui stesso e i deputati della lega in commissione giustizia avevano protestato per questo contribuito ad approvare all’unanimità un emendamento che limitava l’equiparazione alle sole videoriprese captative di conversazioni. Emendamento che poi non è stato volutamente inserito nel maxi emendamento. A questa maggioranza e a questo governo della sicurezza dei cittadini non importa un fico secco, è uno sporco imbroglio. “L’on. Cota – ha continuato Tenaglia – o non ha capito o gli hanno spiegato male. Lui e il suo gruppo si accingono a votare la fiducia su un testo che equipara le video riprese alle intercettazioni telefoniche e quindi le rende inutilizzabili se non autorizzate preventivamente dal giudice. A questo punto, con questa norma, i sindaci della Lega, che hanno giustamente installato telecamere per prevenire i reati, possono tranquillamente trasferire le telecamere nei propri uffici perché saranno inutili e successivamente vedersi a casa le video cassette degli eventuali reati ripresi da quelle telecamere”. “Dopo il voto di fiducia sulla legge che impedisce le intercettazioni, tutti gli italiani potranno finalmente capire che Pdl e Lega non hanno intenzione di disturbare il potere mafioso”. Lo ha dichiarato Laura Garavimi, capogruppo dei Democratici in commissione Antimafia. “Con le nuove norme si salva solo la facciata delle intercettazioni, ammesse ancora se una persona è indagata per mafia, ma nella sostanza si impedisce di mantenere efficace questo importante strumento impedendo di attivarle per tutti i reati considerati spia di interessi mafiosi (usura, spaccio, sfruttamento della prostituzione, estorsione, rapina, ricettazione, reati ambientali, incendi dolosi, reati economici) se non in presenza di evidenti indizi di colpevolezza. Insomma, non si potrà più scoprire se uno di questi reati è stato fatto da una cosca mafiosa. Sulla necessità di modificare questo punto, oggetto di allarme anche del Procuratore Antimafia, Piero Grasso, si era detto d’accordo il Ministro dell’Interno, Roberto Maroni, che ora accetta in silenzio ed obbediente le decisioni della maggioranza.” “Il ddl intercettazione acceca i cosiddetti ‘occhi elettronici’ e mette a serio rischio la sicurezza dei cittadini perché limita in modo sconsiderato la possibilità di usare le intercettazioni nel corso delle indagini”. Così la capogruppo del Pd nella commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti ha commentato l’equiparazione delle riprese visive e audio visive alle intercettazioni telefoniche contenute nel ddl Alfano. “Lo scontro politico ‘Ghedini-Maroni’ ha prodotto un mostro giuridico che non tiene conto neanche delle perplessità del procuratore Antimafia, Pietro Grasso che avevano portato il comitato dei nove a votare la scorsa settimana una modifica per superare i problemi derivanti dalla equiparazione delle intercettazioni alle mere riprese visive. Nella redazione del maxi emendamento il governo non ne ha però tenuto conto per cui tutto ciò che sarà video ripreso senza l’autorizzazione preventiva – ha spiegato Ferranti – sarà inutilizzabile ai fini processuali. E così grazie al Governo anche in presenza di un filmato che riprende una rapina o uno stupro quella prova non potrà essere usata nei confronti dei malfattori. Siamo all’assurdo! Inoltre, dall’equiparazione delle videoriprese alle intercettazioni anche la polizia non potrà più predisporre un apparato di ripresa se non in presenza di ‘evidenti indizi di colpevolezza’ e di un’autorizzazione del Tribunale. Ovvero con molto ritardo rispetto al momento in cui si compie un reato. Insomma – ha concluso – con questo provvedimento il governo spunta le armi dello Stato nella lotta alla criminalità e vanifica lo sforzo degli amministratori locali e delle forze di polizia per sorvegliare i propri territori e per prevenire e reprimere i reati”. Per Pina Picierno “non la crisi, non il problema dei precari o della sicurezza ancora una volta l’interesse privato del presidente del Consiglio è l’unica vera emergenza di questo Governo. Ancora una volta si cerca confondere le acque facendo passare l’utile personale del presidente del Consiglio per l’interesse dei cittadini. Questa fiducia prosegue il progetto che punta a garantire la totale immunità del presidente del consiglio rispetto alla legge, nell’ottica del “legibus solutus” consona alle monarchie assolute piuttosto che ai sistemi democratici a cui appartiene il nostro paese. Un cammino iniziato con l’approvazione del lodo Alfano e del quale di cui non si vede ancora la fine. “La scelta di porre la fiducia sul ddl sulle intercettazioni è l’ennesimo incosciente tentativo della maggioranza di difendere il premier a discapito del sistema giustizia”. Lo ha affermato Tonino Russo, vice segretario regionale del Pd siciliano e deputato nazionale. “Parlare di tutela della privacy dei cittadini è davvero un colpo basso: in questo modo si protegge solamente la criminalità organizzata. Mi stupisce – ha aggiunto Russo – che esponenti siciliani della maggioranza e del governo non capiscano che questa manovra è un favore alla mafia. Tutti questi pseudo paladini dell’antimafia facciano un esame di coscienza e pensino a quanti magistrati, uomini delle forze dell’ordine e cittadini hanno sacrificato la propria vita contro la mafia e per uno Stato che, adesso, li sta abbandonando”.

A.Dra

*** Ecco la lettera presentata a Giorgio Napolitano dal Pd, Idv e Udc

Signor Presidente, in qualità di rappresentanti dei deputati dell’opposizione, ci rivolgiamo a Lei quale supremo garante della nostra Costituzione. Intendiamo esprimerLe con forza il profondo disagio che sentiamo di fronte all’apposizione da parte del Governo della quindicesima fiducia, in questo ramo del Parlamento, in poco più di un anno di legislatura. Il grave abuso di uno strumento che la Costituzione e la legge n.400 del 1988 circondano di particolari garanzie e che deve considerarsi per sua natura di carattere straordinario, non sfugge a chi segue il quotidiano evolversi dei lavori parlamentari. La trasformazione di un istituto eccezionale nei rapporti Governo-Parlamento in un ordinario strumento di disciplina dei lavori parlamentari compromette pericolosamente l’equilibrio che la Costituzione disegna tra Governo e maggioranza e tra maggioranza e opposizione. E’ in corso un processo di azzeramento del diritto di emendamento parlamentare, anche quando esercitato in forme contenute, di vanificazione delle norme regolamentari che prevedono il voto segreto sui temi costituzionalmente più delicati, di pratica pericolosamente estensiva dei maxiemendamenti che trasformano intere leggi in provvedimenti da votare acriticamente in blocco. Altre ancora sono le preoccupazioni se questo modo di “appropriazione” governativa dei pochi disegni di legge parlamentari, si somma ad un uso della decretazione di urgenza del tutto nuovo non tanto nella quantità, quanto nella qualità della normazione prodotta. Poco più di due settimane orsono è stata posta per ben tre volte la questione di fiducia su un disegno di legge in materia di sicurezza ove risultavano disciplinati delicati profili attinenti ai diritti fondamentali, a questioni controverse in materia costituzionale, all’attuazione di norme comunitarie. Oggi la fiducia viene posta sul disegno di legge in materia di intercettazioni. Il disegno di legge viene liquidato da un maxiemendamento del Governo dopo un normale confronto parlamentare e di fronte ad un numero assolutamente fisiologico di emendamenti per l’Aula e con tempi rigorosamente contingentati. Il dubbio legittimo è che il Governo usi impropriamente l’istituto della fiducia come strumento di controllo della propria “amplissima” maggioranza! La materia ancora una volta è molto delicata. Il legislatore è chiamato ad un bilanciamento difficile tra le diverse esigenze costituzionali della giustizia e della persecuzione dei reati, della riservatezza dei cittadini e della fondamentale libertà di informazione. La proposta del governo manca clamorosamente questo obiettivo. A nostro parere, la norma che limita le intercettazioni all’esistenza di “evidenti indizi di colpevolezza” pregiudica il ricorso a questo strumento di indagine, con evidente pregiudizio delle indispensabili azioni di contrasto della criminalità da parte delle forze di polizia e della magistratura. Così pure il ruolo della libera stampa è compromesso nella perpetuazione dei diversi divieti di pubblicazione oltre il termine di durata del segreto investigativo e dalle sanzioni gravi per editori e giornalisti. Alcune norme modificano la legge sulla stampa e la recentissima legge (unanimemente approvata) sui servizi segreti, rendendo meno trasparente le necessarie attività di controllo. Le forze di opposizione si interrogano con fortissima preoccupazione sulla compatibilità di questo continuo ricorso alla fiducia con i principi costituzionali. Confidiamo, Signor Presidente, nel Suo intervento, nelle forme che riterrà opportune, per restituire pienezza di contenuti democratici al dibattito parlamentare sulle leggi.

Antonello Soro

Michele Vietti

Massimo Donadi

 

www.partitodemocratico.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...