“Se è notte si farà giorno”

ROMA – Il vecchio partigiano Boldrini aveva adottato, per il suo giornale clandestino, firmato con Benigno Zaccagnini, una frase che recitava così: “Se è notte si farà giorno”. Dario Franceschini ripensa, ancora una volta, alle parole del comandante Bulow, nelle sue ore più difficili. Alle 23 non è ancora chiaro se il Pd è uscito una volta per tutte dal tunnel buio delle incertezze oppure la sua marcia verso la luce piena si sposterà nel tempo, sarà ancora lunga e tormentata.

Ma una cosa è certa, con i dati a disposizione: il Pdl si ferma al 35 per cento. E di questo il segretario si dice “soddisfatto, molto soddisfatto”. Alla Camera, uffici del gruppo, sala Berlinguer, Franceschini ha comunque già messo le mani avanti. E lo ha fatto addirittura ad urne ancora aperte, davanti ai big, ai capigruppo, ai segretari regionali: “Voglio ringraziarvi tutti per quello che avete fatto e dirvi anche che mi aspetto, a prescindere dai risultati, che non si interrompa il lavoro di squadra. Non voglio nemmeno prendere in considerazione che si torni a litigare, con i turni di ballottaggio all’orizzonte. Quella è una stagione chiusa dalla quale non si torna indietro”.

E’ sera. Gli schermi del computer danno le prime cifre. La destra trionfa in Francia. Un sussulto per il segretario: “Certo, se il vento è quello… “. Ma no, non è quello. Il Pd sembra superare la la soglia di “sicurezza”. Sentenza per il leader, per il partito, per il Paese. Quei 105 giorni di campagna elettorale diventano fotogrammi da album dei ricordi. La certezza di “avere fatto tutto il possibile per salvare il progetto” rende sereno il leader, pur barricato nel suo ufficio. Dario “il cattocomunista”, come l’ha definito, con lieve disgusto, il suo avversario, ne parla con gli amici: “Ho giocato la partita fino in fondo”. Una sfida in condizioni difficili, l’eredità di Veltroni, le correnti interne, un Berlusconi straripante, che l’ha spinto su terreni che non sono quelli cui è abituato (“Ho toccato con mano che cosa vuol dire la sproporzione di mezzi, di potere, la capacità manipolativa, la spregiudicatezza”).

Lui, Franceschini, costretto a occuparsi di moralità della politica, di affari privati diventati, non per sua scelta, clamorosamente di interesse pubblico. Le paillettes contro la vita reale: “Nei miei viaggi ho incontrato gente senza lavoro, pensionati alla fame, commercianti scansati dalle banche”. A voler compensare l’overdose di parole e veleni, l’attesa è dedicata alla famiglia, alla moglie Silvia, insegnante di scienze, che “non ha mai fatto politica”, alla figlia Caterina, 19 anni, accompagnata al seggio dribblando i fotografi, a Maria Elena, 13 anni, la più piccola, aiutata ieri mattina a fare “un piccolo impianto elettrico per la lezione di tecnica”, quasi fosse una domenica qualsiasi. Addirittura, all’ora di pranzo, i Franceschini si sono concessi una gita al mare, a Fregene. Pranzo in quattro più il cane.

Con la testa fissa alle prime proiezioni. Ma senza l’ansia del proprio destino, giurava fino a tarda sera: “Non ho accettato di fare il segretario per costruire il mio futuro”. Il problema – è andato ripetendo Franceschini in ogni piazza, ad ogni comizio – è “lasciare il Paese in mano ad una persona sola”, per giunta uno come Berlusconi “che considera i magistrati grumi eversivi e il Parlamento una perdita di tempo”. Lui “ce l’ha messa tutta” per convincere un elettorato frustrato: “Non dovete mollare proprio ora”.

L’astensionismo punitivo: era il suo incubo. “Perché io, nel Pd, ci credo veramente, non ci sono altri approdi. Noi dobbiamo avere la pazienza di costruire un sistema di valori alternativi facendo esattamente l’operazione contraria a quella di Berlusconi il quale ha introdotto negli anni la sua gerarchia di disvalori e poi è andato all’incasso”. Quello di oggi è un round, Berlusconi non sfonda, “ragazzi, una buona notizia”. Ma “la marcia sarà lunga”. Se è notte, si farà giorno, diceva il partigiano Boldrini. Se vince la destra adesso, vinceremo noi la prossima volta… Un conto alla rovescia, quello di Franceschini, trascorso “serenamente, pacatamente”, direbbe Crozza. Prima nella sua casa di Roma, che finirà di pagare tra 21 anni, poi guardando il mare in una giornata nuvolosa, e andando a messa all’imbrunire, come sempre. Dalle 20 in poi, summit del partito. Franceschini è prudente, manda avanti gli altri. Oggi dirà la sua.

www.repubblica.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...