Bezzini: “Inconcepibile tappare la bocca con la forza alla protesta di studenti e docenti”

“Le minacce di Silvio Berlusconi di ricorrere all’uso della forza per chiudere la bocca agli studenti, agli insegnanti, ai docenti e alle famiglie, che in tutta Italia, stanno manifestando, in maniera pacifica, per il diritto allo studio sono inconcepibili”. Con queste parole Simone Bezzini, segretario del Partito democratico della provincia di Siena interviene in seguito alle dichiarazioni rilasciate dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi sulla protesta in corso nelle scuole e nelle università contro la riforma Gelmini.

“Siena come moltissime città universitarie in Italia – continua Bezzini – vive in questi giorni una stagione di fermento studentesco che ha portato il movimento degli universitari e quello degli studenti delle scuole superiori a occupare pacificamente le sedi degli istituti e a sviluppare anche altre iniziative per chiedere al governo di investire di più nella scuola e nei luoghi della formazione. La protesta alla riforma Gelmini è trasversale e non appartiene né alla destra né alla sinistra, ma appartiene a tutti coloro che sono preoccupati del futuro delle giovani generazioni e che si oppongono a tutti quei provvedimenti che produrranno un abbassamento della qualità della scuola e dell’Università italiana. Il rischio è quello di produrre una separazione netta tra studenti di serie A che potranno pagarsi un’istruzione privata e quelli di serie B che saranno la maggioranza e che dovranno frequentare una scuola pubblica dequalificata”.

“In seguito alle dichiarazioni del presidente del Consiglio – afferma Bezzini – ci stringiamo ancora di più attorno a tutti gli studenti e agli insegnanti che stanno manifestando per il rinnovamento ed il rafforzamento del sistema pubblico di istruzione, esprimendo la nostra solidarietà e il nostro sostegno a tutte le iniziative di protesta. Scenderemo in Piazza domani a Siena con le sigle sindacali e saremo a Roma, ancora più numerosi, per dire no al governo e alla riforma 133. Di fronte a una protesta che coinvolge centinaia di migliaia di persone un governo serio dovrebbe interrogarsi sulle ragioni e non minacciare l’uso della forza”.

www.sienapartitodemocratico.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...