Al via la scuola che guarda al passato. Proteste in tutta Italia, ma la Gelmini minimizza

“Il futuro dei bambini non fa rima con Gelmini”. Con questa frase si potrebbe riassumere lo stato d’animo dei genitori che protestano fuori dalle scuole di tutta Italia. Lo slogan, stampato sulla maglietta di una mamma che protesta di fronte alla scuola elemtare Iqbal Masiq del quartiere Casilino di Roma, è solo una delle tante frasi che hanno accompagnato il suono della campanella nella maggior parte degli istituti di Roma e del Lazio. Sono previste manifestazioni e raccolte di firme in decine di scuole elementari da parte di genitori, docenti e dirigenti scolastici che metteranno al braccio una fascia di lutto per sostenere il tempo pieno e dire “No” al maestro unico.

Un primo giorno di scuola all’insegna delle proteste contro i tagli al mondo della scuola, che si tradurranno in licenziamenti di insegnanti e personale ATA, nella chiusura di diversi istituti e nella riduzione del tempo pieno e prolungato. Proteste spontanee che stanno attraversando tutto il Paese e che vedono compattamente schierati, fianco e fianco, insegnanti e studenti, dirigenti scolastici e genitori. Tutti per dire un forte “no” alla distruzione della scuola. Davanti a tutto ciò, il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini non trova di meglio da fare che accusare, non si sa bene chi, di “strumentalizzazione politica”.

Pronta la replica di Maria Coscia, responsabile scuola del PD: “Oggi le famiglie la stanno contestando insieme ai loro figli, le prime vittime della sue scelte, in maniera del tutto autonoma. Non esiste una regia politica, le famiglie la contestano spontaneamente perché la sua è una controriforma che vuole azzerare il servizio pubblico, riducendo le scuole e l’orario scolastico. I precari protestano perché viene tolto loro il posto di lavoro. Il personale docente vi contesta perché tagliate miliardi di euro al sistema scolastico ed universitario. Noi difendiamo i bambini e la scuola dall’azione scriteriata di questo governo che sta azzerando la fonte primaria di formazione culturale ed umana del Paese. L’unica che si dovrebbe vergognare è lei caro ministro che sta adottando provvedimenti che uccidono la qualità della scuola pubblica”.

Per il ministro Gelmini, prosegue Coscia, “i precari che protestano per rivendicare i loro diritti sono dei facinorosi, i genitori che si preoccupano per la qualità dell’insegnamento diventano strumenti in mano ad una politica dissennata! Lei, caro ministro, si esprime per slogan e spot pubblicitari non essendo assolutamente in grado di rispondere in maniera convincente alle puntuali e motivate critiche che le giungono non solo dall’opposizione ma da tutta la società, famiglie in primis”.

Dura Pina Picierno, ministro ombra per le Politiche giovanili. “Probabilmente questa settimana la parola d’ordine uscita sulla ruota del governo è ‘strumentalizzare’. Non riusciamo a spiegarci altrimenti come mai questa sia oramai l’unica cosa pronunciata dal solito coro dei dichiaratori del Pdl. Non ci sono altre spiegazioni visto che anche il ministro Gelmini, con scarsa fantasia, ci accusa di ‘strumentalizzare’ la giuste proteste delle famiglie italiane alla sua disastrosa controriforma scolastica.

Pina Picierno si rivolge direttamente al ministro Gelmini: “Lei sta distruggendo il sistema scolastico italiano: lei, il presidente del consiglio, il ministro Tremonti, il governo, ipotecate il futuro dei bambini. Uso il termine ipotecare perché avete travestito da riforma una serie di tagli durissimi che rischiano di mandare a picco il sistema formativo del nostro paese. Voi siete dei ladri di futuro perché a i primi a pagare sono i bambini che riceveranno una formazione non in linea con le sfide che li attendono. Ministro Gelmini la sua riforma è un gambero, con essa l’Italia si muove arretrando.”

In questo clima di agitazione, comunque, il primo giorno di scuola è arrivato. Il ministro dell’Istruzione del governo ombra del PD Mariapia Garavaglia rivolge così il proprio saluto a studenti ed insegnanti. “La scuola è l’istituzione che più di ogni altra consente ai più giovani fra i cittadini di immaginare il proprio futuro. Questa constatazione fa tremare chiunque abbia un qualche ruolo nella scuola, perché la responsabilità che ognuno si assume nel fornire agli studenti non solo educazione ed istruzione, ma anche opportunità, aspirazioni e scelte, è enorme”.

Secondo l’ex vice sindaco di Roma, “è evidente quanto la scuola sia importante per ognuno di noi nel grande sforzo di preparare la società del domani. Per questo, al saluto e agli auguri del Capo dello Stato e del ministro Gelmini desidero aggiungere anche quello dell’intero PD, il partito scelto da una parte del popolo italiano che aspira ad un futuro in cui la politica assuma il ruolo che le compete: risolvere i problemi, suscitare speranze e cambiare l’Italia tenendo conto anche e soprattutto delle nuove generazioni”.

Diverse, infatti, sottolinea Garavaglia, “possono essere le opinioni politiche e le visioni ma non può esserci dubbio che nella società della conoscenza la politica deve offrire le migliori risorse morali e materiali alla scuola, affinché possa effettivamente essere, come sancisce la nostra Costituzione, di tutti e per tutti. Non tocca solo al personale della scuola e alle famiglie rendere vero e attuato questo principio. E’ anche nelle capacità e possibilità dei giovani”.

A questi ultimi, dunque, il ministro dell’Istruzione del governo ombra del Pd rivolge “l’augurio che diventino le personalità che desiderano: l’impegno costa ma sono forniti anche di tanta creatività. In bocca al lupo, dunque, per i loro successi. Buon anno scolastico a tutti coloro che lavorano e agiscono all’interno della scuola e per la sua migliore qualità – conclude Garavaglia – con la rassicurazione che non li lasceremo soli”.

Stefano Cagelli

www.partitodemocratico.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...