PD: nasce un patto di consultazione con le forze escluse dal Parlamento

Incontro al loft tra Walter Veltroni, segretario del Partito Democratico, e Claudio Fava, neocoordinatore di Sinistra Democratica.
Una lunga chiacchierata nella sede del PD per valutare la possibilità di aprire un confronto per ricercare terreni di lavoro comune. La nota congiunta diffusa al termine dell’incontro parla della necessità “di dar vita ad un dialogo – nel rispetto delle reciproche autonomie – con l’obiettivo di individuare punti programmatici e politici di convergenze nell’opposizione al governo Berlusconi”.


Fin dal 14 aprile Veltroni ha ribadito l’importanza di ascoltare anche le istanze dei partiti rimasti fuori dal parlamento e nell’incontro si è impegnati a stabilire un patto di consultazione con Sinistra democratica e con le altre forze di sinistra disponibili, per “far emergere in Parlamento temi e proposte che tengano conto delle sensibilità e del punto di vista di forze che alle Camere non sono rappresentate”.

IIl confronto ha riguardato anche le alleanze a livello locale e l’eventuale introduzione di una soglia di sbarramento per le elezioni europee. La nota parla della necessità di “costruire, in Italia e a livello locale, le condizioni di un nuovo centrosinistra basato su reali intese programmatiche e su una sfida di governo capace di innovare il Paese (…) si è convenuto che sia sulle riforme istituzionali che sulla eventuale modifica della legge elettorale europea si stabilirà una consultazione permanente con l’obiettivo di raggiungere soluzioni comuni”.

Fava e Veltroni hanno infine concordato un incontro tra i gruppi dirigenti del PD e di Sd che si svolgerà nelle prossime settimane. Al termine del colloquio il coordinatore di Sd incontrando i cronisti ha spiegato che ci si è trovati d’accordo con Veltroni sul fatto che si debba ricercare “una convergenza nel merito delle cose da dire e da fare”. Ma senza che questo comporti l’eventualità di un ingresso di Sd nel Partito Democratico: “Confluire nel Pd è fuori discussione. Chi ha scelto di non farlo, lo ha fatto anni fa e non bisogno a ripeterlo in ogni occasione”, ha chiarito Fava aggiungendo che “Pd e sinistra sono soggetti che possono concorrere per un nuovo centrosinistra ma nel rispetto di una reciproca autonomia”.

www.partitodemocratico.it

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...