Veltroni: “E’ tempo di buona politica”

“E’ venuto il momento di fare un intervento straordinario per i salari e le pensioni. Il Paese non può più andare avanti così. Il messaggio deve partire dalla politica, che deve ridurre i suoi costi”.

Il “Giro dell’Italia nuova” fa il suo ingresso in Piemonte. Parte dalle rive del Lago Maggiore, da Verbania, per scendere verso la pianura, fare tappa a Novara e fermarsi poi ad Alessandria. Due i minimi comuni denominatori delle tre iniziative a cui ha partecipato Walter Veltroni: la partecipazione straordinaria di cittadini – in particolare se teniamo conto che si tratta di un lunedì – e l’appello del segretario del Pd per la una svolta nella politica che corrisponda alla richiesta del Paese.


“Quando leggo sul giornale che la gente fa la fila ai negozi del ‘compro oro’ perché non ce la fa più ad arrivare alla fine del mese, penso che non sia una cosa accettabile per un Paese civile”. Misure per l’innalzamento immediato dei salari, che avrebbero già potuto essere varate a camere sciolte ma che la destra ha bloccato. Proposte per l’adeguamento delle pensioni più basse, che il Pd presenterà immediatamente dopo Pasqua. Ma non solo, “dalla politica – scandisce Veltroni – deve venire un messaggio di sintonia con il Paese”.

Innanzi tutto, “non è giusto che l’Italia sia il Paese dove i salari sono i più bassi d’Europa e gli stipendi dei parlamentari i più alti. Non è giusto che si finanzino 31 giornali di partito. Non c’è nulla di demagogico in tutto questo, è una questione di rigore”, afferma il segretario del Pd. “Non c’è nulla di male – continua – se gli stipendi dei parlamentari italiani vengono portati a pari della media di quella dei loro colleghi europei”.

Dalla politica deve arrivare un messaggio nuovo. Una svolta che interpreti le necessità dei cittadini. “La politica deve essere agile, deve essere semplice”. A livello istituzionale, ricorda Veltroni, bisogna mettere mano a quelle riforme che il Partito democratico ha chiesto e sta chiedendo da mesi, e che, a causa dei continui “no” giunti dal centrodestra non si sono potute fare.

– Riduzione del numero di parlamentari, da 1000 a 570,
– Fine dei bicameralismo perfetto, introducendo una sola camera con potere legislativo,
– Più poteri al premier
– Revisione dei regolamenti parlamentari per porre fine alle proliferazione di sigle diverse rispetto a quelle che si presentano alle elezioni.

Tutto questo si sarebbe potuto fare se solo per una volta il centrodestra avesse anteposto ai suoi interessi di parte, alla bramosia di potere, il bene del Paese. Il Partito democratico ha deciso di rompere questo giocattolo impazzito, quello che in quindici anni ha bloccato il Paese, soffocandone lo sviluppo. Ha deciso di rischiare, di andare da solo. “E’ solo grazie a noi – dice Veltroni – se nel prossimo parlamento non ci saranno più quaranta partiti. E’ la prima volta nella storia della Repubblica che se si vota per un partito, il Pd, governerà un partito”.

E quella che, nei piani della destra “doveva essere una spampagnata” invece che una campagna elettorale, ora non lo è più. “La voglia di gestire il potere – sottolinea il segretario del Pd – è diversa dalla voglia di cambiare le cose. Con la scelta che abbiamo fatto, siamo liberi di dire all’Italia che c’è una sfida riformista”. Una sfida che “non prevede nemici, ma avversari”. Una sfida che si propone di aprire un ciclo nuovo che, come avviene negli altri Paesi europei, “possa veramente cambiare il volto a questo nostro Paese”. Una sfida che faccia rialzare la politica, che la rimetta al servizio dei cittadini, che consenta al Paese di ritornare a correre.

S.C.

Annunci

Una risposta a “Veltroni: “E’ tempo di buona politica”

  1. Caro Walter,vorrei sapere quando sei a Pavia per venire a sentire il tuo comizio elettorale,voglio sentirti dal vivo,ti seguo sempre con affetto su skay in tutti i tuoi comizi.Una cosa che mi piace di te è il modo semplice con cui ti poni alle persone,ti fai capire,trasmetti speranza e serenità,ho sempre avuto fiducia in te,sei un politico moderno capace di trasinare il popolo,capace di voltare pagina, prendere decisioni anche impopolari,tutto questo ti fa onore,spero un giorno non lontano 15 aprile 2008 data storica di poter festeggiare con te la svolta e la rinascita di questa ITALIA che lavora e produce.Un forte abbraccio da un tuo sostenitore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...