Aldo Moro: “Il coraggio di cambiare”

Il rapimento e l’omicidio di Aldo Moro hanno rappresentato “l’inizio della fine del terrorismo”. Così Walter Veltroni, presenziando oggi alla commemorazione del rapimento dello statista Dc e dell’uccisione dei 5 uomini della sua scorta avvenuta 30 anni fa in via Fani, ha voluto commentare quei tragici giorni. Il segretario del PD era insieme a Dario Franceschini e alla signora Olga D’Antona, moglie del professore Massimo D’Antona, consulente del ministero del Lavoro assassinato dalle Br il 20 maggio del 1999.

Il primo a recarsi nel luogo dove furono uccisi i poliziotti durante il sequestro è stato, stamani alle 8, il presidente del Senato, Franco Marini, che dopo la partenza di Giorgio Napolitano per un viaggio di Stato in Cile esercita anche le funzioni di presidente della Repubblica.


Davanti alla lapide che ricorda il sacrificio di Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi, ci sono le corone del Partito democratico, del capo della Polizia, del comandante generale dell’Arma dei Carabinieri e quelle inviate dalla regione Lazio, dalla Provincia e dal Comune di Roma. Davanti a una delle corone sono stati lasciati anche un lumino acceso e un mazzo di roselline bianche.

“Chi ha ucciso Aldo Moro, un essere umano segregato per 55 giorni e uscito solo per essere portato nel luogo in cui venne assassinato nel modo più vigliacco possibile, così come chi ha sparato qui per terra all’agente Iozzino, dovrebbe avere il buon gusto di evitare di riempire giornali e televisioni per raccontare una storia che avrebbe gia’ dovuto raccontare nelle aule dei tribunali”. Veltroni in via Fani ha aggiunto che sulla vicenda Moro “la verita’ non e’ ancora del tutto completa. Si attende ancora di sapere, e penso che per prime ne abbiano diritto le famiglie delle vittime”.

Come ha detto Agnese Moro, “la cosa più importante è ricordare gli uomini che sono morti in via Fani: erano delle brave persone, avevano tutta la vita davanti, erano giovani, erano pieni di affetti, avevano le loro famiglie e il ricordo di oggi per me è sempre dedicato a loro”.

La lezione di Aldo Moro e la democrazia compiuta. Walter Veltroni,La Repubblica

Caro direttore,trent´anni fa a via Fani, nel traffico della mattina presto, Aldo Moro veniva rapito, la sua scorta massacrata. Anche in quegli anni così duri la storia sembrò precipitarci addosso. Cinquanta giorni dopo Moro fu ucciso.

Oggi vorrei ricordare non quella tragedia che colpì l´Italia, ma quell´uomo, quel politico così straordinario. Il mondo è pieno di uomini politici che ti spiegano le cose che sono già accadute, ma uomini politici che hanno il coraggio di spostare in avanti il loro mondo, di vincere delle resistenze, di sfidare l´impopolarità, sono più rari. Tra questi certamente c´era Aldo Moro, come Enrico Berlinguer.

Moro è nella storia d´Italia, la sua lezione non può essere strumentalizzata a fini di oggi. Tuttavia, in qualche misura, c´è un po´ un “de te fabula narratur” in questa storia.

La cosa affascinante dell´idea della politica di Moro era che essa fosse, appunto, costruzione progressiva di equilibri e di svolte non affidate alle decisioni di un giorno. Durante i terribili giorni del rapimento il Paese ebbe la capacità di unirsi e di uscire da quella tragedia del terrorismo. In questo c´è la grande intelligenza politica di quella generazione di uomini politici italiani: l´aver saputo far convivere costantemente il più aspro dei conflitti, quello determinato da un tempo di guerre ideologiche e persino di appartenenze a mondi diversi, con la capacità di convergere attorno a ciò che veniva considerato da loro il valore principale che era il valore degli interessi nazionali. In questo senso “de te fabula narratur”.

Secondo me è compito nostro reintrodurre questo valore nella vita politica italiana, reintrodurlo nella forma nitida, chiara e riconoscibile di una distinzione di ruoli, di funzioni, di dimensioni e di momenti, tra l´aspetto della convergenza necessaria tra forze diverse per la scrittura comune delle regole del gioco ed il necessario, laico, razionale conflitto per il governo del Paese sulla base di programmi e di valori diversi.

Moro, Berlinguer sapevano investire la politica di quelli che da Berlinguer stesso furono definiti “pensieri lunghi” e che Moro tradusse in un´idea di sviluppo della società italiana.

C´è un filo rosso nel pensiero di Aldo Moro che deve essere seguito: l´idea dell´evoluzione di un sistema politico verso un approdo che veniva chiamato “la democrazia compiuta”, però con una caratteristica: una grandissima attenzione nei confronti della società. Mi colpiscono in questo senso le parole che Aldo Moro ha usato e che tante volte sono state citate nel famoso intervento al Consiglio Nazionale della Dc del novembre del 1968.

Lui leader di un partito che in quel tempo in tutte le piazze d´Italia, veniva messo all´indice dalla manifestazioni studentesche si alzò per dire: «Tempi nuovi si annunciano ed avanzano in fretta, come non mai.
Il vorticoso succedersi delle rivendicazioni, la sensazione che storture, ingiustizie, zona d´ombra, condizioni di insufficiente dignità e di insufficiente potere non siano oltre tollerabili; l´ampliarsi del quadro delle attese e delle speranze dell´intera umanità; la visione del diritto degli altri, anche dei più lontani, da tutelare non meno del proprio; il fatto che i giovani, sentendosi ad un punto nodale della storia, non si riconoscano nella società in cui sono e la mettano in crisi, sono tutti segni di grandi cambiamenti e del travaglio doloroso nel quale nasce una nuova umanità».

Io vedo qui, appunto, quel segno della grandezza della politica che è la capacità di leggere la società e di saper spostare in avanti il proprio mondo; è la doppia dimensione che fa la bellezza della politica, il suo non farsi separato ed il suo essere elemento dinamico e non di ostacolo e di freno. Moro faceva nascere la sua politica da una considerazione molto profonda sulla crisi della democrazia.

È stata l´ossessione del suo lavoro politico e nel ‘74, dopo il referendum sul divorzio, diceva: «C´è una sproporzione, una disarmonia, una incoerenza fra società civile, ricca di molteplici espressioni ed articolazioni ed una vita politica stanca, ridotta a sintesi inadeguate e talvolta persino impotente».

Moro parla di una democrazia bloccata, cioè con ridotte possibilità di un vero e continuo succedersi di forze politiche nella gestione del potere, nella fase finale della sua vita si affaccia l´idea che si dovesse realizzare per via politica ciò che non si era riusciti a realizzare per via istituzionale, quella che ad esempio era stata al centro del dibattito sulla famosa “legge truffa”.
Moro allora disse: «Anch´io sono disposto a riconoscere che la democrazia non è soltanto il regime della maggioranza, ma è il regime del rapporto necessario, della garanzia permanente di esistenza e funzionalità, ciascuna nel proprio ambito di una maggioranza e di una minoranza. Bisogna che la maggioranza possa orientare, dirigere, prendere iniziative e decisioni e che la minoranza possa con forza e sicurezza operare, secondo la sua funzione di controllo, proporre alternative, permettere eventuali mutamenti nell´orientamento del Paese».

Sono parole che mi sentirei di sottoscrivere integralmente oggi. La democrazia italiana è immersa esattamente nello stesso bagno di problemi, di contraddizioni e di difetti che, allora, venivano lucidamente avvertiti. Solo che per via istituzionale e per le ragioni storiche che sappiamo non si riuscì a raggiungere quella idea di una democrazia fatta di una maggioranza e di una minoranza.

E Moro allora, credo, decise politicamente di aprire una terza fase, decise cioè che attraverso lo strumento della politica si dovesse soggettivamente introdurre quell´elemento di virtù che istituzionalmente non si era riusciti ad introdurre.

Questo è in fondo ancora il problema del nostro Paese, cioè una democrazia compiuta. Una democrazia compiuta è una democrazia che ha la capacità di condividere le regole del gioco e di rispettare laicamente l´esistenza di un confronto tra maggioranza ed opposizione o “maggioranza e minoranza”, per usare l´espressione di Moro, che competano lealmente per il governo del Paese. A me pare che noi ci troviamo, oggi nella condizione di dover fare politicamente ciò che non siamo riusciti a fare istituzionalmente.

Annunci

Una risposta a “Aldo Moro: “Il coraggio di cambiare”

  1. Penso che Aldo Moro sia stato un grande uomo,non solo per il grande carisma con cui esternava le sue brillanti ideologie,ma anche per la straordinaria umanità dimostrata nei confronti del popolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...