Franceschini presenta le liste: “la più grande opera di rinnovamento politico mai fatta in Italia”

“La più grande operazione di rinnovamento politico mai fatta in Italia”. Dalla sede nazionale del Partito Democratico il vicesegretario Dario Franceschini ha presentato le liste dei candidati alle elezioni politiche del 13 e 14 aprile 2008.

“Le modalità e i tempi con cui abbiamo messo a punto e presentato le liste dei nostri candidati sono assolutamente inedite – sottolinea Franceschini -. Ricordatevi le notti dei lunghi coltelli, di trattative, di ricatti che hanno sempre accompagnato la composizione delle liste e che stanno vivendo in questo momento gli altri partiti: non è mai accaduto che un partito ci riuscisse la settimana prima”.

I nomi dei candidati, sottolinea Franceschini, “sono tutti usciti dalle consultazioni che hanno coinvolto migliaia di circoli, esclusi alcuni nomi eccellenti e il risultato è estremamente innovativo”.

I dati esposti da Frnaceschini durante la conferenza stampa forniscono la cifra di quest’opera di rinnovamento. “Non sono stati ricandidati 134 eletti nel 2006, nelle liste di Camera e Senato sono presenti 379 donne, pari al 42%; le donne elette nelle liste dell’Ulivo erano 52, ne verranno elette nel Pd da 100 a 130, in base al risultato delle elezioni, 10 sono capilista e 22 sono presenti nelle teste di lista e anche questo è un dato senza precedenti. siccome siamo persone serie, abbiamo deciso di mantenere gli impegni”.

“I nuovi parlamentari saranno tra 125 a 248 e circa la metà non viene né dai Ds né dalla Margherita – sottolinea il numero due del Pd – sono personalità che hanno formato la ricchezza del Pd. Nelle liste della Camera ci sono 190 candidati sotto i 40 anni il doppio di quelli della passata legislatura presentati sotto il simbolo dell’Ulivo, pari al 30%, di questi 4 sono capilista, seguiti dal segretario del Partito e ne saranno eletti da 30 a 60, rispetto ai 12 presenti nei gruppi dell’Ulivo. Ci auguriamo – conclude del Pd – che tutti gli altri partiti facciano qualche passo in questo senso, raddoppiando il numero delle donne, ampliando la presenza dei giovani e delle personalità che non hanno alle spalle militanze di partito, per noi è soltanto l’inizio del cambiamento”.

Quanto alla polemica sollevata in questi giorni dai radicali, Dario Franceschini è stato chiaro: “Se si cerca di accendere i riflettori per qualche giorno ce ne dispiace. Ma non c’è materia di trattativa”. Del resto, spiega il vicesegretario, “il pacchetto dei 9 esponenti radicali è tutto in posizioni sicure nelle liste. Saranno eletti e la loro pretesa che fossero tutti numero uno o due nelle liste è difficile da comprendere”. Infine il vicesegretario si è rivolto direttamente a Emma Bonino: “Abbiamo condiviso con Emma il fatto che fosse capolista al Senato nella sua regione, il Piemonte. Spero non ci saranno ripensamenti”.

Fonte: wwww.partitodemocratico.it
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...