Veltroni sulle critiche di Famiglia Cristiana: “Perchè quando Pannella nel 2001 si candidò col centrodestra, non ci fu tutto questo can can?”

Fonte www.corriere.it

Ai microfoni di “Radio Anch’io”
il programma elettorale del Pd

ROMA
Il leader del Partito Democratico parla del suo programma elettorale ai microfoni di Radio Anch’io, dove è stato ospite questa mattina. Molti i temi toccati, dall’efficienza del governo Prodi alla pedofilia.

«Prodi ha operato bene, la coalizione no»
«Il governo Prodi quando ha iniziato ha trovato una situazione finanziaria del Paese spaventosa. Nell’arco di un anno e mezzo ha ridotto il debito, rimesso a posto i conti, ridotto l’evasione fiscale, ha fatto un pacchetto di liberalizzazioni. A non andare bene è stata la coalizione che sosteneva il Governo. Ogni decisione che era presa veniva il giorno dopo contestata, ci sono stati anche ministri che sono scesi in piazza contro il Governo. Io distinguo l’operato del Governo dalla confusione politica della coalizione, che io ho deciso di concludere andando da soli alle elezioni». Lo ha detto il leader del Partito Democratico Walter Veltroni, ospite di «Radio Anch’io».

Achille Serra in liste Pd: «Provo grande stima per lui»
Il prefetto Achille Serra sarà candidato alle Politiche nelle liste del Pd. Lo ha annunciato il segretario del partito e candidato premier Walter Veltroni, ospite di «Radio anch’io». «In questi anni da sindaco di Roma ho lavorato con lui – ha detto Veltroni -, è maturato un rapporto di grande stima, sono contento che lui abbia accettato la mia proposta. Fa parte dello sforzo di rinnovare le nostre liste». Il leader del Pd ha sottolineato che ancora «non è stato deciso dove candidarlo».

Pedofilia: «E’ paragonabile all’omicidio»
«La pedofilia si può paragonare all’omicidio». per questo, «serve la mano dura, servono regole e la certezza della pena. Chi sbaglia deve pagare». Veltroni annuncia così la presentazione di un progetto di legge sulla pedofilia «molto duro». Per Veltroni «è la società che deve ritrovare il senso di se stessa, valori e la coscienza che si è perduta». Il candidato premier del Pd commenta poi la notizia del ritrovamento dei cadaveri dei due fratellini di Gravina: «Una notizia assolutamente sconvolgente. Una società si valuta dal grado con cui tutela i propri bambini». Dunque, basta con pedofili in libertà, anche se a loro volta sono stati vittime, così come basta con «la follia di un insegnante pedofilo che torna ad insegnare. Si sono perdute le regole, vanno ora ristabilite».

Dopo le critiche di Famiglia Cristiana: «Laici e cattolici possono convivere»
«Continuo a pensare che questa idea che laici e cattolici non possono convivere, che coloro che hanno opinioni diverse sui temi etici debbano ognuno farsi il proprio partito, ci porta ad un assetto che non è quello di un Paese moderno: saremmo l’unico Paese in cui c’è un partito laico e un partito cattolico». Walter Veltroni difende l’accordo con i radicali dalle critiche arrivate dal mondo cattolico, in ultimo da Famiglia Cristiana. Si chiede Veltroni: «Sarebbe stato meglio uno schieramento laico con radicali e socialisti, che accentuava le contrapposizioni su questi temi? Penso di no, per il bene nostro Paese. In tutta Europa ci sono partiti con opinioni diverse, ma con un unico principio: quello della laicità dello Stato». E a un ascoltatore che teme un gruppo radicale in Parlamento subito dopo le elezioni, il candidato premier del Pd assicura: «La novità di quello che abbiamo fatto è proprio che chi decide di stare con noi decide di fare un solo gruppo parlamentare, sottoscrive il programma Pd votato all’unanimità dal coordinamento, riconosce la leadership del Pd. Questa è la grande novità». Quanto a Famiglia Cristiana, Veltroni ricorda che il settimanale cattolico «ha pubblicato un sondaggio per cui io sono il leader più apprezzato dai cattolici, perchè ho a cuore i temi della povertà, della qualità vita, che sono nel programma». Infine una domanda: «Perchè quando Pannella (e non la Bonino, Pannella…) nel 2001 si candidò col centrodestra, non ci fu tutto questo can can?».

Salari: «Sono la vera emergenza»
«Questa è la vera questione italiana: bisogna intervenire sull’aumento dei salari e allo stesso tempo con un’operazione di calmieramento necessario per consentire ai prezzi di stare bassi». Il leader del Pd, Walter Veltroni, ribadisce a Radio Anch’io, che «l’aumento dei salari è la vera emergenza nazionale. I salari – sostiene il segretario del Pd – sono fermi dal 2000, l’inflazione cresce perchè i salari e i prezzi sono uno in lire e l’altro in euro. Quindi l’aumento dei salari va accompagnato ad un calmieramento dei prezzi magari anche con accordi con le categorie perchè si facciano vere e proprie campagne per avere i prezzi più bassi».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...